Buon Natale Maison de la Joie!

Una domenica mattina tranquilla alla Maison de la Joie a Ouidah, mentre alcuni bambini si preparano per andare alla messa ,qui nella parrocchia vicino. Si cercano gli addobbi natalizi, e la meteo per la prossima settimana promette 34 gradi e oltre il 90 % di umidità. Il sottofondo delle risate e delle voci dei bimbi, alternate a quelle dei responsabili, fanno il consueto sottofondo musicale di questo magica struttura. Dopo anni di assenza, dovuti a molteplici fattori, il vedere il lavoro e i risultati svolti dai volontari e dai membri del nostro gruppo, lascia veramente il cuore gonfio di gratitudine, e sapere che anche nella città di Ouidah, la Maison de la Joie è considerata qualcosa di importante, nel suo piccolo, è motivo di orgoglio. Bravi ragazzi, in questi anni avete lavorato duro, sofferto per le piccole delusioni, sacrificato tempo alle vostre famiglie e ai vostri interessi per dedicarvi anima e corpo a questi bambini. Ditelo e fatelo sapere, la Maison de la Joie è veramente una cosa grande!!! La Maiosn de Reves, è davvero la casa dei sogni, sia per la trentina di piccoli ospiti, ma anche per i turisti responsabili, venuti a cercare nelle pieghe del loro animo di viaggiatori, un porto sicuro, dove lo spirito possa fermarsi un attimo e sostare incantato davanti ia sorrisi dei bimbi, ai loro sguardi e perchè no, assaporare nel silenzio della sera, quando ormai tutti sono a letto, un buon bicchiere di sodabi’ in compagnia, mentre in lontananza si odono i classici suoni dei riti vudu’, che in questo periodo caratterizzano questa piccola cittadina dell’Africa occidentale. Buon Natale quindi a tutti gli amici e i volontari della Maison, a quelli che sono qui e a quelli che hanno nel cuore il desiderio di ritornare, a quelli che ora nel freddo dei mercatini natalizi stanno tenendo viva la luce e la speranza per questi piccoli. Buon Natale! Buona Maison de la Joie!!!Immagine 001 Immagine 004

Buon Natale Maison de la Joie!ultima modifica: 2014-12-21T08:49:03+00:00da ouidah1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento