La Maison de la Joie si ritrova a Cassano d’Adda

grigliata 11 luglio - illuminamo la speranza.jpg

 

Gran parte degli amici e dei volontari di tutta Italia de LA MAISON DE LA JOIE A OUIDAH ong, si ritrovano domenica 11 luglio 2010 alle ore 12,30 a Cassano d’Adda, per un pranzo di beneficenza (con i proventi cercheremo i fondi per rifare l’impianto elettrico alla Maison, distrutto completamente dall’incendio). E’ un momento particolare per conoscerci tutti di persona, per incontrare i gruppi e le persone in partenza, per incrociare anche tutto il mondo coinvolto nel turismo responsabile di Viaggi e Miraggi.

Vogliamo che sia un momento di festa e di gioia solidale, e anche di ringraziamento per lo scampato pericolo dei nostri bambini e ragazze giù a Ouidah. Io sarò presente con tutta la mia famiglia, fin dal sabato sera, quindi se amici, conoscenti e curiosi vorranno incontrarci, potete prendere contatto con Simona, anche per la prenotazione (tel. 349462416).

I bambini giù a Ouidah, pian piano stanno rientrando alla Maison e alle cose quotidiane. La puzza di fumo e di bruciato è tanta, ma la voglia di stare insieme lo era ancora di più. I primi soldi inviati sono già in viaggio e appena saranno accreditati sul conto giù, le squadre di muratori, di inbianchini e elettricisti  inizieranno una lotta contro il tempo, per rendere la Maison  pronta per la metà di luglio, quando i primi gruppi di turisti arriveranno. Noi abbiamo fiducia, ce la faremo.

Una bella notizia: Samilia è tornata, finalmente e stabilmente in casa. La sua maggiore età la mette al riparo, legalmente dalle grinfie del padre che la vorrebbe sposare forzatamente. E’ chiaro però che tutta la Maison ormai la protegge  come un cuscinetto e tutti sono  sempre all’erta …anche questo purtroppo è l’Africa . Sono le persone come Samilia e come lei,  tutte le donne africane che veramente meriterebbero il Nobel per la Pace.   

Ecco qui l’invito ufficiale per tutti voi e speriamo di trovarci davvero in tanti!!

Amici,
Eccoci all’ultimo appuntamento pro Maison prima delle vacanze estive.
Prendete una domenica di luglio, aggiungete il refrigerio della campagna, uniteci una grigliata in compagnia e una pennica sul prato ai bordi dell’Adda, condite con musica, risate, buon vino e solidarità e il gioco è fatto!

Vi aspettiamo: domenica 11 Luglio alle ore 12,30 al Parco Belvedere di Cassano d’Adda.
Menù: bis di primi – grigliata mista – vino – dolce e caffè.
Costo: 22 euro a persona
.

Il ricavato dell’evento verrà utilizzato per rifare l’impianto elettrico della Maison de la joie distrutto in seguito all’incendio che sabato 20 giugno ha gravemente danneggiato tutto il piano terra della casa.

.

Come raggiungerci:
da Milano SS11 uscita Trezzo d’Adda ( MI-VE ).
Passante Ferroviario S5: Milano-Treviglio (fermata Cassano d’Adda –  ogni mezz’ora).
A Cassano: parcheggio sotterraneo in Via Dante Alighieri. Attraversata la piazzetta vi trovate di fronte il cancello del parco.

 

.

La Maison de la Joie non è morta e lotta insieme a noi

0025.jpg

LA MAISON NON E’ MORTA: E LOTTA INSIEME A NOI !

0022.jpgRiprendo un vecchio slogan, carico di rabbia ma anche pieno di speranza e volonta’ di rinascere dalla cenere.

L’esempio viene dai bambini stessi, che ieri fino a mezzanote, hanno presso spugne e secchi e ancor prima che il fumo fosse finito, hanno cominciato a pulire e a sgrassare i muri; e stamattina alle 5  erano già in piedi per continuare il lavoro.

La Maison non è una casa, non è un oggetto, è divenuta una causa, un ideale per cui vivere e lottare, e sono proprio loro i più piccoli che ce lo fanno capire. E noi che abbiamo la testa dura, che non ci abitueremo mai alle ingiustizie e alle sopraffazioni, capiamo il gesto di chi non si lascia scalfire dalla sfortuna e dal destino avverso.

La Maison ridiventera’  bella e più grande di prima, assieme al vostro aiuto e alla vostra vicinanza e solidarietà. Tutto il quartiere ha dato una mano perchè la catastrofe non fosse di  proporzioni più devastanti, la solidarietà  e l’aiuto dei vicini è stata immediata. Da tutto ciò si riparte, più determinati  e coscienti della forza che hanno le nostre ragazze e i nostri bambini. E ringraziamo il Cielo che l’incendio non sia divampato di notte, altrimenti oltre che ad un bilancio di perdite materiale avremmo sicuramente dovuto registrare qulache tragedia. Saranno offerti sacrifici e riti nelle tre religioni che vengono professate in casa, per lo scampato pericolo.

Altre foto le potete vedere sul nostro gruppo Facebook (Maison de la Joie di Flavio Nadiani)

Ripeto per chi ci volesse aiutare finanziaramente in questo brutto momento le coordinate: 

  le donazione vanno effettuate su: Banca credito Cooperativo Ravennate e Imolese, sede di Faenza, IBAN: IT85I 0854223700000000136840, intestato alla onlus “Insieme per Crescere”
specificare assolutamente ” per la Maison de la Joie a Ouidah”
    

        grazie a tutti     

0024.jpg

  

                                                                                                  

La Maison de la Joie a Ouidah brucia…

La Maison de la Joie a Ouidah, sta bruciando,

 dalle prime notizie frammentarie sembra che non ci siano bambini feriti o all’ospedale grazie al cielo. Tutti i bambini sono stati evacuati in tempo, il fuoco sprigionatosi, sembra a causa di un corto circuito nel magazzino è poi ben presto divampato su tutto il secondo piano della Maison. Quasi tutto il materiale inviato tramite il container nell’agosto scorso è andato perduto: suppellettili, vestiti, macchine da cucire, tavoli per la sala polivalente…tutto. Occorre trovare ben presto una sistemazione ai bambini e alle ragazze e soprattutto risistemare velocemente la Maison prima di agosto…un danno da decine di migliaia di euro. Come faremo? Il fuoco ha bruciato la Maison, ma non ha bruciato i nostri sogni, dobbiamo reagire!!, ci occorrono aiuti finanziari e volontari .

Spargete la voce…..grazie
le donazione vanno effettuate su: Banca credito Cooperativo Ravennate e Imolese, sede di Faenza, IBAN: IT85I 0854223700000000136840
specificare assolutamente ” per la Maison de la Joie a Ouidah”

METTIAMOCI IN GIOCO GENOVA-OUIDAH 2010nova-Ouidah 2

 

In occasione della festa mondiale del fanciullo africano, per chi può venire il 16 giugno, segnaliamo l’iniziativa che vede protagonisti anche i nostri bambini della Maison de la Joie. Alla manifestazione sara’ presente anche la nostra volontaria Erika


 

Esposizione/Proiezione/Aperitivo… e scambio di idee!

 

16 Giugno 2010 h. 18.00
presso l’Alliance Française di Genova – Via Garibaldi 10

 

 

genova fronte.jpggenova retro.jpg

 

“Mettiamoci in gioco – Genova Ouidah A/R” è un percorso di conoscenza, scoperta e racconto, dedicato ai bambini, che utilizza diversi canali di comunicazione.

Il progetto, nato nel 2008, è proseguito con la seconda edizione durante l’anno scolastico 200910 in Italia e in Benin.

I bambini della Scuola Elementare Ada Negri-Villa Rosa di Pegli (Genova) e della Maison de la Joie di Ouidah (Benin) si sono incontrati nuovamente attraverso l’arte, e sono stati guidati lungo un percorso di reciproco scambio e conoscenza.

Durante il laboratorio creativo, i bambini hanno inventato personaggi e racconti utilizzando le CARTE di CQB, rielaborazione delle “Carte di Propp” di Gianni Rodari.

Le storie sono poi state tradotte in video dal video-maker Carlo Lalvay Estrada, che ha realizzato il video-danza Assanssan, una delle tante favole create in questo laboratorio e una delle infinite possibili storie nate dalle combinazioni delle carte.

 

 


 

 

 

 

 


 

Due giugno: si celebra la giornata mondiale del turismo responsabile

OGGI 2 GIUGNO  GIORNATA MONDIALE DEL TURISMO RESPONSABILE

 

In tante parte del mondo, oggi, centinaia di associazioni e  ong, celebrano in vari paesi del mondo la giornata mondiale del turismo responsabile. Singolare che in Italia nessuno tranne poche eccezzioni (Viaggi e Miaggi, La Maison de la Joie), ci abbiano pensato. Da Bruxelles (Tourism Autrement ) a Cotonou (Ecobenin), passando per il Ghana direzione Camerun e diramandosi via via in tutto il mondo.

Anche noi oggi vogliamo essere tra quelli che dicono che c’è un altro modo di viaggiare, un’altra maniera per conoscere, mille modi per aiutare a “camminare con le proprie gambe”.

A tutti gli amici e i simpatizzanti che operano in questa sensibilizzazione e a tutti i turisti responsabile vada il nostro ringraziamento, per il percorso fatto fino ad ora, sappiamo che ancora molto c’è da fare, ma i risultati raggiunti soli pochi anni fa erano impensabili; è quindi con motivata fiducia che proseguiamo in quest’opera di informare e formare viaggiatori.

Sono rimasti gli ultimi posti per il viaggio in Benin e Togo in partenza il 31 luglio prossimo. Affrettatevi.