La mamma, il fumettista e il re

LA MAMMA, IL FUMETTISTA E IL  RE

 

La mamma, il fumettista e il re è un  documentario bellissimo,  il primo in italiano, sul turismo responsabile in Benin, girato da Marco Mensa, che abbiamo avuto l’onore di ospitare in uno dei suoi viaggi.

In questo video si parla di turismo responsabile, cos’è,   come funziona,  e chi è il turista responsabile , in particolare in Benin.

Nel video intero c’è una bella intervista a Justine, la responsabile della Maison de la Joie, “la mamma” di tanti bambini. Ci sono le immagini del Sud, di Ouidah, Ganviè, c’è l’importanza del Vudu’, c’è l’incontro con le etnie del Nord. Davvero una bella emozione ritrovare i nostri bimbi, per mostrare la bellezza e i problemi di questo paese. Qui vi presentiamo solo alcune spezzoni, alcuni estratti,ma chi volesse richiedere il video intero si può rivolgere  direttamente alla www.ETHNOS;

per chi volesse invece fare una qualche serata sul turismo responsabile in Benin, può contattarmi: flavio.nadiani@alice.it

Prossima partenza il 23 dicembre fino al 6 gennaio, con Viaggi e Miraggi, alla scoperta dei produttori locali del mercato equosolidale. Un viaggio in collaborazione con EQUOMERCATO, la più grande centrale di distribuzione di prodotti equosolidali in Italia.

 

 

Lettera ai padrini e madrini

 

Foto computer e bimbi.jpg

 

 

SITUAZIONE DEI BAMBINI ADOTTATI A DISTANZA A LA MAISON DE LA JOIE A OUIDAH ong

 

 

A TUTTI I PADRINI E LE MADRINE

 

 

Ritorno in Italia , dal Benin, stavolta con tante certezze, tante cose concrete e timori e titubanze miste a speranze, per questo povero paese e per la sua gente.

La concretezza deriva che tutti i cantieri dei progetti in corso stanno celermente (per i tempi africani), avanzando, che la voglia di fare è tanta. Le certezze vengono dalle prime ragazzine accolte (allora erano bambine) e oggi ormai sono signorine, che hanno preso in mano la Maison, e la gestiscono veramente bene. Ormai sono autonome per quanto riguarda, l’ospitalità e l’accoglienza dei turisti e dei volontari. Chiaramente nei tempi che rimane loro libero dallo studio. Presto qualcuna dovrà andare all’università oppure cominciare a lavorare nei laboratori che stiamo costruendo. Vi giro a parte la scheda progetti.

Il numero dei bambini e ragazzi a noi affidati (ora anche dalla parrocchia del quartiere dove siamo) è cresciuto di altre 5/6 unità negli ultimi mesi. Speriamo bene, contiamo sul vostro aiuto. Ci sono situazioni di degrado e di sopravvivenza a cui non possiamo dire di no. L’aiuto dei volontari e degli amici, diventa quindi fondamentale. Nonostante tutti i problemi che può avere una comunità di più di 40 persone fra adulti e bambini, vi comunico con gran gioia che quest’anno i bambini sono STATI TUTTI PROMOSSI. E questo grazie anche e soprattutto a voi che ci sostenete. Bambini con gravi difficoltà come Djoura, o come Zina, riescono a integrarsi correttamente assieme ai loro coetanei, ricordo a tutti che queste due bambine, sarebbero state lasciate a morire di fame a suo tempo: una perchè non aveva più nessuno e l’altra perchè considerata una “bambina strega”, dall’ignoranza e dalla superstizione.

L’associazione CQB di Genova, ha fatto un progetto pedagogico coi nostri bambini e una classe elementare di Genova, e ne è uscito che i nostri ragazzi hanno lo stesso livello culturale dei ragazzi italiani, mentre risulta più elevato rispetto ai coetanei di Ouidah; un bel risultato che ci fa onore, ma che lo consideriamo solo come punto di partenza. Il nostro obiettivo è quello di creare persone che da adulte si prenderanno le responsabilità per far fronte ai problemi e ai bisogni del loro paese. Vorremmo che imparassero il valore della giustizia e del lavorare gratuitamente in favore dei più poveri e dei diseredati. Lo sappiamo è un obiettivo ambizioso, ma lasciateci provare e sperare.

Quindi auspichiamo che il vostro sostegno, in questo particolare momento delicato, in cui da una parte la comunità si ingrandisce e dall’altra si sta cercano di provvedere al loro futuro per una volta terminati gli studi; non si esaurisca, ma fateci sentire la vostra vicinanza fisica e morale.

Rinnovo a tutti l’invito di venire a vedere la Maison de la Joie, perchè voi ne siete gli artefici e in un qualche modo ”responsabili”, per aver messo in moto questa grande e bella storia.

Ancora grazie

 

p.s: le scuole in Benin riaprono il 1° ottobre.

 

1- TALATOU (Molaha Talahatou)- Promossa passa dalla classe CM1 alla CM2, sempre alla scuola pubblica Lebou. Talatou è una ragazza intelligente, serie e si occupa, quando non deve studiare , di una parte dei bimbi più piccoli. Nonostante, la sua intelligenza, la ragazzina rimane timida e riservata, bene educata, Jusitne la considera una delle migliori forze della Maison.

 

2 -SAMILIA (Idrissou Samiliatou). Promossa . Passa dall 6° alla 5°. Samilia quando ci sono I turisti nei perido di vacanze delle scuole, gestisce direttamente la casa e tutto quanto ruota attorno alla responsabilità dell’accoglienza. Ubbidiente e beneducata, riceve la visita della sua madrina Silvana, la quale può testimoniare lo stato di tutti I bambini della comunità

 

 

3 – GOMMINA MOLAHA RACHIDATOU detta DJOURA- Anche Djoura che l’anno scorso non gliela aveva fatta, quest’anno invece è riuscita ad essere promossa. Nonostante il gap rispetto alle altre ragazzine Djoura riesce a farsi valere e ad essere serena soprattutto. Onesta fino al midollo è capace di prendere le difese dei più piccoli assumendosi la responsabilità se necessario. Passa da CE2 A CM1.

 

4 -YAYA GRACE – Grace continua ad andare benissimo a scuola, e non certo problemi d’intelletto, il suo unico problema è il fisico. Purtroppo la malnutrizione infantile di cui è stata

Oggetto, si manifesta ora con una crescita lentissima. Grace ha 11 anni e ne dimostra 7 . Si stanno cercando i fondi per farle fare degli esami per capire se è una questione ormonale o altro e che di che cura necessita. Purtroppo sono esami costosissimi e fatti solo in determinati ospedali attrezzati.

 

5-GOMINA SAMSILIATOU detta Samsilia. Promossa passa dalla 6a in 5a. Per prenderla in giro e farle tenere I piedi per terra gli educatori e gli altri ragazzi la chiamano la “mannequin”. Samsilia è veramente una gran brava ragazza.

 

6-AKPAKI TZYNA detta Zina . Promossa passa da C1 a CP. Ho visto Zyna crescere in tranquillità e serenità, accettare gli scherzi degli altri e finalmente fare gruppo con le altre bambine. Quando si sente particolarmente triste si lascia prendere in braccio e ride. Da animaletto ferito e spaurito quale era è un successo. Mi verrebbe da dire: grazie Justine!!

 

7-FATY JASMINE ADIGOUN – La più grande delle 4 sorelle , si trasferirà a Parakou per continuare gli studi e restare vicino ad una parente sofferente, essendo già grandicella e responsabile, la famiglia (strane famiglie quelle africane, si fanno vive solo quando hanno bisogno…), le ha chiesto di avvicinarsi a loro. Seguiremo comunque il suo sviluppo fisico e mentale da vicino, e pretenderemo sempre copia della pagella scolastica. Promossa passa dalla 3a alla 2a.

 

8-RABIATOU RAISSA ADIGOUN detta Rabiat. La seconda delle 4 sorelle è stata brillantemente promossa nella scuola pubblica di Lebou. Passa dalla 6a alla 5a. Rabiat è la classica bimba che non teme nulla ed è sempre pronta al gioco, allo scherzo ma anche a primeggiare nei lavori di casa.

 

9-AFIFATH EXPERANCE ADIGOUN detta Hafi. La terza delle sorelline è stata promossa e passa alla classe superiore dalla CE1 a CE2. Hafi è molto dolce, le piace stare in gruppo, eccelle nei giochi di movimento e nella danza

 

10-KEMI ADIGOUN EMANUELA – A Kemi piace stare in braccio a chiunque. Coi suoi occhini grandi è diventata la mascotte della Maison. Frequenta con regolarità la scuola materna pubblica, è intelligente e vivace, quando comincerà la scuola non avrà certo problemi.

 

11-TAIROU LAMATOU detta Lamie – Anche Lamie grazie a voi ha ottenuto il suo sostegno a distanza, sa che potrà studiare con regolarità, e si è impegnata tantissimo per poter essere promossa. Passa dalla CM2 , ammessa all’esame del CEP è stata inserita in classe 6a

 

12- MOLAHA BERNARDETTE detta Berna – E’ stata promossa e passa dalla classe C1 alla CP. Bernardette si è ambientata molto bene, pur essendo estremamente vivace e simpatica, si mantiene corrette e beneducata. E’ una bambina fantastica.

 

13-SARE NASSIBATOU detta Nassiba- E’ una delle bambine storiche della Maison, ed è anche una di quelle che più ha sofferto della mancanza del padre prima e dell’allontanamento della madre. Ha rischiato di essere rapita, qualche tempo fa fidandosi sempre di persone adulte, nella continua ricerca di un surrogato del babbo. Qualche volta ha bisogno di correzioni. Alla Maison crescerà serena ed equilibrata.

 

14 -YAYA RACHAD FRANCOIS – E’ forse il più intelligente della Maison, abbiamo scoperto che è anche ambidestro. E’ stato ovviamente promosso e dalla classe CM1 e passa alla CM2. E’ l’unico maschio assieme ad Abbas, ma non sembra patire troppo questa situazione. E’ molto espansivo ed educato.

 

15 -TAIROU ABBASSOU detto Abbas- Abbas è sicuramente il più “gettonato” tra i bambini della Maison da parte di turisti e volontari. Il bambino è veramente molto buono, cresce sereno e felice, è studioso quanto basta, visto le potenzialità che ha. E’ stato promosso e passa dalla C1 alla CP

 

16 -IDRISSOU LAKIATOU detta Lakia- Con i primi soldi ricevuti, abbiamo potuto riscattarla dalla padrona e a ottobre sebbene già avanti con gli anni comincerà la scuola ed una nuova vita.

 

17 -GNAKOU LOUMANA : a ottobre Loumana, inizierà grazie a voi , la scuola. Ha dimostrato la sua felicità con un disegno che inviamo a chi ne sosterrà gli studi. E’ pienamente inserita nella vita della maison .

 

18 -JOEL BAPKE 11 mesi. Qui non si è trattato di un sostegno scolastico, ma di una urgenza umanitaria, bene descritta dalla storia di “io mi chiamo Joel“ scritta da una volontaria. Joel è stato strappato alla morte per fame dopo una segnalazione della parrocchia.

 

19 – ALIMA Jean      8 anni . Sosteniamo le spese di questo bambino, la cui madre si è presa cura di Joel che non è figlio suo. La Maison ha accettato di aiutarlo, al momento non è adottato a distanza.

 

20 -ALIMA Gilbert   5 anni

Il prossimo anno andrà a scuola non è ancora stato adottato

 

21 -ALIMA Jules       3 anni è l’ultimo dei tre fratellini, i quali vivranno nel quartiere della Maison. La maison si fa carico della loro situazione e ne controlla l’andamento con regolarità

 

22 -DJAKPO Christophe è un ragazzo del nostro quartiere, veramente bisognoso di aiuto, vive solo con la madre e rischiavano di essere sfrattati e messi sulla strada. Il ragazzo da quest’anno ha ottenuto il sostegno finanziario per gli studi, direttamente da chi lo ha incontrato e segnalato. La Maison è responsabile nel controllarne lo stato di salute e il buon rendimento scolastico.

 

23 -FALITA : detta Fali’ . E una delle bambine storiche della Maison. Non l’abbiamo mai data in adozione a distanza, in quanto temevamo sempre che i “padroni” la venissero a riprendere da un giorno all’altro assieme ai suoi disgraziati genitori. Per 4 anni questo non è successo, ci sentiamo fiduciosi ora di poterla fare oggetto di un sostegno scolastico.